Tempo scaduto

Solo un’ora in più, solo un’ora, si ripeteva disperata Angelica torcendosi le mani nervosamente. Sedeva al capezzale dell’uomo da molte ore e sentiva il peso della stanchezza sulle spalle. Sarebbe finito tutto prima se l’uomo fosse emerso dal coma e avesse finalmente parlato, avesse finalmente dichiarato la sua colpevolezza nell’omicidio della moglie. Se non l’avesse fatto, tempo un’ora, ne era certa, l’avrebbero trovata e la polizia sarebbe venuta a prelevarla per incriminarla: tutto era contro di lei. Il letto sfatto e il cadavere di Federica livido, inerme. Avvelenamento, avevano detto. La polizia aveva trovato un paio dei suoi capelli tra le lenzuola e due bicchieri vuoti con resti di vino bianco e il loro DNA. In uno dei due anche la presenza del veleno. Presto era venuta alla luce la loro relazione. Il marito di Federica aveva un brutto cancro, dunque, dopo una sommaria indagine, l’unica sospettata rimaneva lei. Un uomo con il destino segnato non può avere il movente per l’omicidio della moglie, dicevano sicuri.

Quell’ultima notte, ormai due mesi fa, l’uomo le aveva sorprese e con occhi supplici l’aveva allontanata per sempre da Federica. E’ tutto ciò che mi rimane, le aveva detto tra le lacrime, non mi togliere anche questo. Lei e Federica vergognose si erano sentite come due sporche ladre disoneste, anche e se erano anni che quel matrimonio era finito. Aveva raccolto le sue cose e si era diretta verso l’uscita. Ma varcata la soglia le era sembrato di vedere un sorriso maligno sul volto dell’uomo. Il senso di colpa mi tira brutti scherzi, aveva pensato desolata.

E adesso era qui, a fianco del letto mentre l’uomo respirava a fatica sprofondato da giorni nel coma. Ripassava nella mente il discorso che gli avrebbe fatto, le parole che avrebbe usato. Sarebbe stata convincente, doveva esserlo. E lui doveva svegliarsi! Doveva confessare il suo delitto, non poteva lasciarla a vedersela con il mondo che la pensava colpevole. Era inumano. Un profondo respiro e poi il silenzio.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi