Vendere privatamente il proprio alloggio: 4 consigli fondamentali

Vendere casa al meglio privatamente è molto meno facile di quel che appare.

Fermo restando che l’aiuto di un consulente che conosce bene il mercato, sa dove e come pubblicare l’annuncio, sa come cosa fare per mostrare al meglio la propria casa, può fornire un supporto in termini di ottenimento del mutuo al potenziale acquirente, ecc. è senz’altro la scelta migliore, esiste un nutrito gruppo di persone che pensano di voler risparmiare o sono in grado di fare da soli.

Se sei parte di questa schiera, ecco per te 4 consigli che possono aiutarti se vuoi affrontare questa avventura.

1) Fare una stima corretta

A questo proposito, il miglior consiglio che si può dare è di guardare sui principali portali le case in vendita che per zona, dimensione, anno di costruzione, caratteristiche generali siano il più simili possibile.

Dopo aver valutato attentamente i prezzi di vendita, allineare la propria offerta a quella di mercato.

Se, supponiamo, in una determinata zona troverai altri 5 appartamenti simili, è lecito supporre che il potenziale acquirente comprerà quello più conveniente. Perché dovrebbe pagare di più per il tuo?

Dopo questa prima analisi, sarà poi necessario fare un’altra serie di valutazioni che solo apparentemente sono secondarie. Ad esempio bisogna valutare se l’immobile è in una zona ben servita dai mezzi pubblici, se esistono aree verdi nei dintorni, se si colloca in una zona ricca di servizi e negozi, se è ben esposta al sole, ecc.

Insomma il prezzo giusto lo determina il mercatomai il proprietario o il consulente immobiliare, cioè i potenziali acquirenti che faranno impietosamente tutte queste valutazioni. Se il prezzo è troppo alto aspettare l’”amatore”, quello che unico e solo capirà il valore che attribuisci alla tua adorata casa, potrebbe rivelarsi inutile e di sicuro allungherà i tempi.

Ricordati inoltre che, se desideri chiarire ogni dubbio in merito, potrai interpellarmi gratuitamente per avere una consulenza di stima dell’immobile.

2) Preparare un bel servizio fotografico

Un appartamento ben fotografato in tutte le sue parti ha certamente più possibilità di far sorgere la curiosità del futuro acquirente.

Il potenziale cliente vuole riconoscere aria di casa e immaginare come potrebbe vivere quello spazio, personalizzandolo.

Spesso si vedono annunci senza foto, con foto sfocate o con inquadrature sbagliate.

Certi ambienti vengono spesso omessi, come se non fossero importanti: ma chi chiederebbe un appuntamento per vedere un appartamento del quale non è stato fotografato il bagno?

Piuttosto, se il bagno, o qualunque altro locale, non è in perfette condizioni, riordinatelo e pulitelo per mostrarne un’immagine che sia, se non perfetta, almeno dignitosa.

Se non ti senti in grado, fatti aiutare!

Tenteresti infatti di vendere su internet un vestito fotografato tutto spiegazzato e buttato su una sedia?

Non credo: come minimo cercheresti di appenderlo a una gruccia e lo fotograferesti al suo meglio.

Fai lo stesso per la tua casa.

3) Scrivere un annuncio breve.

Talvolta si tende a narrare l’immobile nelle sue più minute caratteristiche in lunghissime e articolate descrizioni: sappiate che chi cerca su internet, di annunci ne legge tantissimi e dopo la terza o la quarta riga, si è già stufato.

Dunque, prepara una descrizione breve ed esaustiva, non farcita da dettagli inutili e pesanti.

I dettagli sono importanti, ma devono essere inseriti nei campi appositi.

Scrivi ben chiaro prezzo, anno di costruzione, piano, tipo di riscaldamento ecc.

Nella mia esperienza, è in generale poco utile omettere il prezzo, il piano (quando lo stabile è senza ascensore), l’indirizzo esatto e così via a meno che tu non sia un mago nell’arte della negoziazione commerciale, tutte le “magagne” verranno fuori durante la visita e, in tal caso, avrete perso tempo tu e anche l’acquirente.

4) La documentazione è importante!

Prepara sempre prima tutta la documentazione necessaria. Atto di provenienza, certificazioni, verbali dell’assemblea condominiale, piantina catastale, ecc.

Lo sapevi, ad esempio, che pubblicare o esporre il cartello senza i valori dell’Ape è contro la legge?

Se stai vendendo privatamente, il potenziale acquirente sarà particolarmente attento e preoccupato di ricevere il massimo dell’informazione.

Questo, proprio perché in una trattativa privata non è presente la figura di un consulente che, con la sua esperienza e la conoscenza delle norme, generalmente garantisce che tutto sia in regola.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi